Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)
Grandi personaggi (Grande Capitano)

Grandi personaggi (Grande Capitano)

Prezzo di listino $23.00
Prezzo unitario  per 
Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

«Consalus Ferdinandus Corduba» ; "Gonzalo Fernández de Córdoba y Enríquez de Aguilar" , duca di Santángelo, Terranova, Andría, Montalto e Sessa, chiamato il "Grande Capitano" per la sua eccellenza in guerra. Era anche un cavaliere e comandante dell'Ordine di Santiago. Parente di Fernando il Cattolico e membro della nobiltà andalusa (appartenente alla Casata degli Aguilar). Gonzalo e suo fratello maggiore Alfonso Fernández de Córdoba crebbero a Córdoba sotto la cura del prudente e discreto cavaliere Pedro de Cárcamo. Da bambino fu incorporato come paggio al servizio del principe Alfonso di Castiglia e, alla sua morte, si unì al seguito della principessa Isabella.

Il Grande Capitano era un genio militare eccezionalmente dotato, che per la prima volta unì fanteria, cavalleria e artiglieria, approfittando del supporto navale. Sapeva come muovere abilmente le sue truppe e portare il nemico sul terreno che aveva scelto come più favorevole. Rivoluzionò la tecnica militare riorganizzando la fanteria in colonnelli (embrione dei futuri terzi). Idolatrato dai suoi soldati e ammirato da tutti, il suo più grande nemico era la popolarità.

La combinazione di operazioni di combattimento permise a Gonzalo Fernández de Córdoba, durante le guerre italiane, di introdurre diverse riforme successive nell'esercito spagnolo, che portarono al Tercio.

Gonzalo de Córdoba diede il predominio alla fanteria, capace di manovrare su tutti i tipi di terreno.

Raddoppiò il numero degli archibugieri, uno ogni cinque fanti, e armò due fanti su cinque con spade corte e lance da lancio, incaricati di infilarsi tra le lunghe picche dei battaglioni di esguizaros e di lanzicheni svizzeri e di ferire l'avversario nel gonfiarsi.

Attribuì alla cavalleria un ruolo più importante nell'affrontare un nemico "distrutto" (persecuzione o molestia) che nel "spezzarlo", togliendogli il ruolo di regina delle battaglie che aveva avuto fino ad allora.20 Sostituì la guerra d'assalto medievale con la difesa- tattica di attacco che privilegia la fanteria rispetto a tutte le armi.

Metti in mostra la tua storia, sfoggia un design unico con questo capo unico. Una maglietta morbida e leggera, con la giusta elasticità. In più, è comodo e valorizza la figura di chiunque lo indossi, uomo o donna.


• 100% cotone pettinato e filato ad anelli (i colori Heather contengono poliestere)
• Il colore cenere è 99% cotone pettinato e filato ad anelli, 1% poliestere
• Peso del tessuto: 142 g/m² (4,2 once/yd²)
• Tessuto prelavato
• Cuciture rinforzate su spalle e collo
• Cuciture laterali

Guida alle taglie

M l XL 2XL
Lunghezza (cm) 71 74 76 79 81
Larghezza (cm) 46 51 56 61 66

Tutti i diritti riservati ©️ 2021