Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio
Regnorum Hispaniae nova descriptio

Regnorum Hispaniae nova descriptio

Prezzo di listino $17.00
Prezzo unitario  per 
Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

«Regnorum Hispaniæ nova descriptio » ; "Descrizione moderna del Regno di Spagna" , queste tavole rappresentano una serie cartografica della patria iberica in cui ci avviciniamo alla Spagna dopo la Reconquista. Hispania, come la chiamavano i romani, o "Spania" , forma molto tipica ai tempi dei Goti, o "Spagna" o le sue altre versioni romanze, al singolare o al plurale, si riferivano all'intera penisola iberica.

Con l'inizio della Reconquista furono istituiti i diversi regni cristiani: Il " Asturum Regnum" Regno delle Asturie (718), il "regno madre", che conserva la legittimità visigota "Regnum gothorum" e viene ribattezzato " regnum Legionense" Regno di León nel 925, dal suo seno il " Regnum Castellæ" regno di Castiglia nel 1065 e il "Regnum Portugaliæ" Regno del Portogallo nel 1139. Il " Regnum della Galizia" regno di Galizia nell'anno 910, a tratti indipendente dal regno di León ma in gran parte subordinato ad esso. (910-914, 926-929, 981-984, 1065-1073). Il "marchio ispanico" confine ispanico, da cui il " regnum Pampilonense" regno di Pamplona nell'824 e le diverse contee dei Pirenei. Il regno di Pamplona fu ribattezzato " Regnum Navarræ" Regno di Navarra nel 1162, da cui nascerà nel 1035 il Regno d'Aragona "Regnum Aragonum" , al quale si uniranno per matrimonio le contee della casa di Barcellona, ​​e successivamente il resto delle contee catalane.

Con l'avanzare della Reconquista, i regni cristiani prosperarono verso sud, e furono creati i Regni di Toledo nel 1085, di Siviglia nel 1248, di Córdoba nel 1236, di Jaén 1246, di Murcia nel 1258, nell'orbita castigliano-leonese , dall'Algarve nel 1249, sebbene conteso, in orbita portoghese, e da Valencia nel 1238 e da Maiorca nel 1231 in orbita aragonese. E così continuò fino al culmine della riconquista con l'annessione del Regno di Granada da parte dei Re Cattolici nel 1492.

Questa organizzazione politica dei regni nelle diverse corone sotto il potere "federale" degli Asburgo visse in Spagna da allora fino alla promulgazione dei Decreti Nuovo Impianto tra il 1707 e il 1716, ad opera di Filippo V, primo re della nuova dinastia borbonica, con il quale furono sostituite le leggi e le istituzioni dei regni medievali rimasti.

Pertanto, per comprendere la divisione territoriale spagnola di quel tempo dobbiamo essere consapevoli che essa differisce notevolmente dalla nostra concezione attuale. Poiché i regni spagnoli avevano le proprie divisioni amministrative: nella corona di Castiglia c'erano le merindades maggiori e minori; quelli avanzati nella corona del Portogallo; le province, nella corona d'Aragona; i distretti dell'Aragona (Saragozza, Tarazona, Huesca, Egea-Jaca e Sobrarbe-Ribagorza); le veguerías di Maiorca e delle contee catalane (Barcellona, ​​Camprodón, Cervera, Gerona, Lérida, Montblanc, Osona, Tarragona, Tárrega, Tortosa e Villafranca de Penedés); e a Valencia c'erano quattro governatorati (Castellón, Valencia, Orihuela e Játiva) e undici distretti. Ma la principale divisione territoriale che rimase in vigore fino alle Intendenze borboniche del 1718 era composta da:

-.La Corona d'Aragona , con i regni di Aragona, Maiorca, Valencia e le contee catalane.

-.La Corona di Castiglia , con i suoi regni (Castilla, León, Galizia, Navarra, Toledo, Siviglia, Córdoba, Jaén, Murcia e Granada, più quelli meramente nominali di Algeciras e Gibilterra, a cui potrebbe appartenere il Principato delle Asturie aggiunto ed Estremadura). A quel tempo, Castilla era composta dalle province di Zamora, León, Valladolid, Burgos, Soria, Toro, Salamanca, Ávila, Segovia, Guadalajara, Madrid, Toledo, Cuenca, Siviglia, Córdoba, Jaén, Granada e Murcia, il Regno di Navarra, e le tre province basche (Vizcaya, Guipúzcoa, Álava), alle quali si aggiungeranno Santiago de Compostela nel 1623, Estremadura nel 1653 e infine La Macha nel 1691.

-.La Corona del Portogallo , con il regno dell'Algarve, era composta da sei province (Tra Duero e Miño, Tras los Montes, Beira, Estremadura, Alentejo e Algarve), che durante l'Età Moderna furono ampliate a undici, come un risultato di divisioni di quattro già esistenti (Tra Duero e Miño nel litorale di Miño e Duero, Beira in Beira Alta, Beira Baja e Beira Litoral, Estremadura in Estramadura e Ribatejo e Alentejo in Alto Alentejo e Bajo Alentejo)

Decora la tua casa con la tua storia, sfoggia un design unico con questo lenzuolo unico. Una stampa di qualità museale realizzata su carta d'archivio opaca (non patinata) di lunga durata che valorizza qualsiasi angolo della tua casa o ufficio.

Grammatura della carta: 250 g/m² / 110 libbre
Spedito in un imballaggio robusto che protegge il poster.
Stampato e spedito su ordinazione. Nessun minimo.
• Non include cornice o altro materiale diverso da quanto indicato nella descrizione.

Tutti i diritti riservati ©️ 2021